Lo chiamavano Jeeg Robot: le avventure di Enzo Ceccotti, supereroe cacio e pepe

di Valeria De Bacco

Chi fino ad ora, alla parola supereroe, aveva sempre associato l’immagine di un bell’imbusto in costume, dotato di poteri sovrannaturali e prestanza da modello di Armani primavera-estate, sarà costretto a ricredersi e sfatare il proprio mito. I supereroi, almeno quelli nostrani, vestono di felpa e cappuccio, si presentano con macchie e maniglie dell’amore, e del mondo circostante si curano il meno possibile, almeno così sembra. Vi presento Enzo Ceccotti, in arte Hiroshi Shiba, ritratto dell’italianità media, all’apparenza caciarona, ma dal cuore molto più grande.

Continua a leggere

Annunci

Guy Delisle: un mauvais pére

di Michael Piscopo Filippi

L’ormai celebre fumettista canadese, Guy Delisle, dopo averci portato tra le porte di Pyongyang, Shenzen, Myanmar e Gerusalemme, torna a raccontare nel terzo attesissimo volume di Diario del cattivo papà le vicende che animano la sua vita (e quella dei suoi figli).
Continua a leggere

Romanzo grafico e romanzo di formazione

di Augusto Ruggieri

Una delle declinazioni più fortunate del romanzo grafico è sicuramente quello del romanzo di formazione, che in alcuni casi diventa racconto autobiografico. Sarà che molti lettori, che costumi sgargianti e realtà alternative proprio non li reggono, hanno finalmente trovato qualcosa di più vicino alla loro sensibilità: storie spesso agrodolci e che hanno un’impronta molto più personale, laddove l’autore ha la totale libertà d’espressione, diversamente da quanto accade nel mondo del fumetto seriale.

Continua a leggere

Non solo carta: la graphic novel in Utopia e nei serial

di Erica Benedettelli

Scelte di marketing o di tendenza, poco importa, quello che ci interessa è che la graphic novel, soprattutto negli ultimi tempi, è entrata nella top ten dei materiali da avere, non tanto per la sua natura grafica, ovviamente, quanto per il suo rapporto con gli altri media che l’hanno resa il mezzo, privilegiato e alternativo, per raccontare un serie televisiva.

Continua a leggere

Graphic novel is still… rock!

di Marina Porcheddu

Vi è mai capitato di sentirvi parte di una Graphic Novel? A me sì!

Mentre leggevo Graphic Novel is Dead, l’autobiografia a fumetti di Davide Toffolo, noto fumettista italiano nonché frontman dei Tre Allegri Ragazzi Morti, mi sono riconosciuta nella ragazzina con la maglia a righe che, nel libro, chiede un’intervista a Toffolo. Nella realtà le cose non vanno poi così diversamente: la mia vita non è chiusa tra quattro pareti disegnate, ma posso comunque indagare e farvi conoscere l’autobiografia di Toffolo anche se non posso intervistare il diretto interessato. Siete pronti? Inizia il viaggio nella vita dei supereroi rock!

Continua a leggere

Graphic novel e cinema: Clementine e Adèle su due rette parallele

di Denise Penna

Un giorno il cinema si innamorò del fumetto, della sua arte in movimento, delle sue linee sinuose e spigolose. Decise di appropriarsi della sua essenza, di rielaborare le sue forme e riadattarle sullo schermo. Così, le due giovani arti che si inseguivano, divennero una cosa sola. Oggi è la graphic novel, nuova frontiera della letteratura disegnata, a diventare materia da plasmare in fotogrammi.

Continua a leggere