Oscars 2017: Ups ‘n Downs

dbqdsgm

di Pasquale Severino

Domenica, al Dolby Theatre di Los Angeles, si è svolta l’ottantanovesima cerimonia di consegna degli Academy Awards. Passiamo dunque in rassegna il meglio e il peggio della Notte per eccellenza, i momenti più alti e le cadute di stile, tanto per gli aficionados più insonni quanto per te che dormivi già ai premi tecnici, o che semplicemente continui a non capire quanto noi cosa sia successo durante l’annuncio dell’Oscar per il Miglior Film. Continua a leggere

L’anima nera di Donald Trump – The Nazi Hustle

kkk

di Giada Antonelli

A pochi giorni dalle elezioni presidenziali USA, che hanno visto fronteggiarsi Hillary Clinton e Donald Trump, venne presentato il documentario di Riccardo Valsecchi L’anima nera di Donald Trump – The Nazi Hustle, che indaga i legami fra il candidato repubblicano e l’estrema destra. Continua a leggere

Arrival; un babelico affresco dell’atto semiotico

dpmwgnf

di Pasquale Severino

Sarebbe poco onesto far strame di un film come Arrival , esattamente quanto lo sarebbe urlare al capolavoro; rimarrebbe tuttavia una miopia analitica non sottolineare l’efficacia con cui l’ultima fatica dell’istrionico Denis Villeneuve (Sicario, Prisoners) riesce a tratteggiare il cruciale tentativo di costruire un atto di comunicazione intraspecie, la disperata necessità di uscire da quello che per de Saussure è il linguaggio privato, dipanando pazientemente il bandolo del significante, per arrivare al significato. Continua a leggere

Qui Sanremo: forse che sì, forse che no, e ci risiamo anche quest’anno

twqp0xh

di Emiliano Rossi

Caro Sanremo ti scrivo,

ti scrivo per spiegarti alcune cose. Tu lì, sulla riviera, che magari ti vuoi godere il tuo dolce naufragar, e noi qui, dilaniati dal solito amletico dilemma. Guardare o non guardare il festival? Perché quella del telespettatore sanremese è una distesa di categorie diversissime tra loro, ma tutte meravigliosamente italiane. E allora ti propongo qualche identikit che ti aiuti ad orientarti (e perdonami se ti do del tu). Continua a leggere

REALE E VIRTUALE, DLC #2 Westworld: la realtà virtuale dove tutto è concesso

6sgawd0

Di Giada Antonelli

Al giorno d’oggi, in un momento in cui la commistione fra realtà e virtualità è più che mai resa possibile anche attraverso dispositivi come il Playstation VR, ultimo arrivato in casa Sony, non stupisce come la realtà virtuale sia uno dei temi maggiormente rappresentati all’interno dei media. Partendo dal grande schermo, dove, già negli anni ’90, sono apparsi i primi mondi virtuali, abbiamo assistito al trasferimento di questa rappresentazione nelle serie tv. Soprattutto negli ultimi 2/3 anni questo argomento ha preso ampiamente piede, grazie a prodotti seriali come Black Mirror e Westworld.    Continua a leggere

REALE E VIRTUALE, DLC#1: Black Mirror e le realtà virtuali, dallo schermo alla mente

vjj4eod

di Simone Labricciosa

Trattando di realtà virtuale nei media contemporanei, approfondendo il panorama della serialità televisiva, è impossibile non tornare su Black Mirror. Recensendo  la terza stagione e analizzando la season finale, “Hated in the Nation”, abbiamo già avuto modo di notare come la serie sfondi “la barriera reale/virtuale”; è significativo che ciò sia stato affermato a proposito dell’elemento meno fantascientifico di un episodio che già di suo non ha nulla a che fare con dispositivi VR, ovvero i social media (e le relative implicazioni nel mondo “reale”). Ciò non circoscrive il tema del rapporto tra l’umano e il virtuale a un episodio, ma dimostra come sia insito persino nei riflessi più attuali (e perciò più inquietanti) della serie. Quelli più avveniristici non sono da meno: vedremo come si relazionano tra loro, e quali rapporti hanno con tecnologie correnti e futuribili fin dal pilota della prima stagione. Continua a leggere

REALE E VIRTUALE, BOSS FIGHT. IL NEMICO INVISIBILE: la realtà virtuale nella narrazione distopica

fo7dyds

di Chiara Magrone

Quando i media di tutto il mondo hanno diffuso la fotografia che ritrae Mark Zuckerberg, il giovane magnate di Facebook, mentre attraversa sorridente una platea gremita di gente con gli occhi inscatolati nel VR, con ogni probabilità un brivido è corso lungo la schiena dei fan della letteratura e del cinema distopico e cyberpunk. Il futuro ipotizzato, narrato, esorcizzato sin dalle ultime decadi del 1800, è arrivato, è qui, è in quella immagine.  Continua a leggere