La televisione del futuro: dal tubo catodico a Youtube

di Augusto Ruggieri

Una volta si diceva: che c’è di bello in TV stasera? D’accordo, forse è un’esagerazione, in fondo la televisione è lungi dall’essere un ferrovecchio da rottamare. Pare però, da qualche tempo a questa parte, di trovarsi in una fase di transizione. Da quando YouTube è stato fondato, nel 2005, le cose sono gradualmente cambiate. La community si è allargata notevolmente, ci sono sempre nuovi canali, e quelli un po’ più datati sono migliorati sotto molti aspetti.

Continua a leggere

Annunci

Cinzia Xlapelle: ottimizzare il trash.

di Antonino Ingrà

Tanti sono i personaggi che, negli ultimi anni, popolano YouTube Italia: alcuni veicolano l’informazione, altri si dedicano all’intrattenimento, altri ancora cercano di insegnarci qualcosa attraverso la creazione di utilissimi tutorial.
È proprio in quest’ultima categoria che potremmo inserire Cinzia Xlapelle che, dal dicembre 2012, rivela su Internet i suoi rimedi naturali per la cura del corpo. Così, video dopo video, scopriamo che per combattere le rughe basta spalmarsi un polpo in faccia, e per combattere la cellulite è necessario versarsi addosso del caffè e della cioccolata tiepida – indossando possibilmente un costume da orso.

Continua a leggere

Riuscirà Batman a salvarci dagli evasori fiscali?

di Alessia Giannoni

Finalmente sconfitti i nemici di Gotham City, Batman, Gordon e Blake si trasferiscono a Roma. La poca criminalità della capitale sembra risultare piacevole a Gordon che, assunto come commissario alla Stazione di Polizia 7° Tuscolano (con contratto co&co&co), non più ligio alle regole e meno combattivo, riesce bene ad adattarsi al nuovo stile di vita. Blake risulta combattuto tra la voglia di giustizia e l’adattamento ai nuovi “costumi”. Batman esige giustizia. A tutti i costi. Lo vedremo allora districarsi tra bolli scaduti, prostituzione, lobby politica e terapie psicologiche per il controllo della rabbia.

Continua a leggere

Clio MakeUp: Real o Irreal Time?

di Giulia Zen

Di Clio Make-Up se ne è (stra)parlato, dal fenomeno del Web alla stella di Real Time.
Per i pochi – forse di sesso maschile – che non ne conoscono la storia, Clio Zammatteo nasce a Belluno, studia video design a Milano e in seguito si trasferisce a New York per frequentare una scuola professionale di trucco. Nella metropoli decide di raccontare alle connazionali ciò che sta apprendendo attraverso la piattaforma YouTube, così il 7 luglio 2008 sforna il suo primo video. Inaspettatamente, raggiunge pian pian un numero altissimo di visualizzazioni, che attualmente è arrivato a nientemeno che 359146. È l’inizio della sua gloria. Continua a leggere

Vlogger italiani. Intervista a Matioski

di Letizia Lara

Il convegno Critica della critica, tenutosi presso l’Università di Bologna, ha sicuramente aperto molti spunti di dibattito sulla critica contemporanea.
In particolare, ho trovato molto interessante l’intervento di Violetta Bellocchio, intitolato Mai visto un film più brutto. La video recensione come performance. Le sue parole, riguardanti per lo più persone/personaggi di area anglofona, mi hanno rimandato a casi più italiani, in particolare uno a me vicino: Matioski. L’ho contattato ed ecco cosa mi ha raccontato. Continua a leggere

Super Café: chiacchiere al bar tra supereroi

di Emanuela Vignudelli

Chi l’avrebbe mai detto che anche i supereroi fanno le cosiddette “chiacchiere da bar”? Al Super Café, Superman e Batman si incontrano e discutono le loro abitudini sui social network. Superman si vanta di salvare il mondo un milione di volte nello stesso giorno («I’ve just saved the day!»), mentre Batman è fiero di essere sé stesso e non c’è occasione in cui non si lascia scappare la sua quote più famosa nei video di How It Should Have Ended: «Because I’m Batman!».

Continua a leggere

Barbie Xanax vs Quelli del DAMS

di Antonino Ingrà

Ci sono film il cui trailer è capace di toglierti il fiato. Già dalle prime sequenze ti viene voglia di correre al cinema o di acquistarne il DVD. Esistono trailer di questa portata, capaci di sorprenderti e creare stupore. E poi, c’è Quelli del DAMS – Il film.
Ironia a parte, in questo post la mia attenzione sarà rivolta ad una polemica nata sul Web e a una serie di dinamiche che si sono innescate, per ragionare sulle dinamiche di Internet e su come un prodotto audiovisivo ottiene – o non ottiene – visualizzazioni. Continua a leggere