Violenza e media, nona declinazione. “Ultraviolence”: la spettacolarizzazione della violenza nei videoclip musicali

di Stefano Monti

La spettacolarizzazione dell’elemento violento, specialmente quando al limite della sopportabilità visiva, negli ultimi anni è stata oggetto di un’interessante riflessione etica ed estetica che ha coinvolto diversi media. Dalle espressioni cinematografiche di più parti del mondo, fino allo sviluppo della reality tv e all’affermazione della serialità, senza risparmiare alcune fra le più recenti forme di intrattenimento multimediale come i processi interattivi di gamification (LINK ‘OTTAVA DECLINAZIONE’) oggi nel vivo del loro sviluppo, la maggior parte degli strumenti dell’audiovisivo è stata condizionata da una specifica tendenza comune votata alla rappresentazione della violenza, specialmente nelle sue oscillazioni più estreme. Considerata l’imprescindibile influenza reciproca fra le varie forme dell’espressione culturale e mediatica, a questa inclinazione non è rimasto estraneo nemmeno un altro fenomeno, ai giorni nostri di grande pregnanza culturale: il videoclip musicale.

Continua a leggere

Violenza e media, ottava declinazione. Il potere legittimante della gamification

di Carolina Altilia

Jean Baudrillard, teorico francese post-moderno, afferma che se le società moderne erano “organizzate intorno al concetto di produzione e consumo di beni e merci, le società post-moderne sono organizzate intorno al concetto di simulazione e di gioco delle immagini”. Nella società postmoderna, mediatica e consumistica, tutto diventa immagine e segno, o perfino spettacolo, con la diretta conseguenza, come dice lo stesso teorico, di “un’estetizzazione indifferenziata di tutto”. Gli ambiti precedentemente divisi dell’economia, dell’arte, della politica, della sessualità, si fondono gli uni negli altri e l’arte penetra tutte le sfere dell’esistenza. Secondo Baudrillard, dunque, la nostra società ha dato vita ad una generale estetizzazione di tutte le forme culturali, comprese quelle della contro-cultura (https://fuoricorsoblog.wordpress.com/2016/02/04/violenza-e-media-prima-declinazione-la-guerra-in-un-tweet/#more-4220), soggette a meccanismi di promozione, e rappresentazione.

Continua a leggere

Violenza e media, settima declinazione. Attraverso lo specchio nero: il macabro riflesso dei nuovi media

di Giovanni Timpano

Viviamo in una società dominata dai mezzi di comunicazione, non c’è dubbio. L’informazione, l’intrattenimento, la cultura, ma anche la violenza, la cronaca e, in fondo, la stessa storia contemporanea sembrano non poter più prescindere dall’essere riproposti sui nostri schermi. Black Mirror è una serie televisiva britannica, trasmessa su Channel 4 a partire dal 2011 e su Sky Cinema 1 in Italia, che mette in scena un universo distopico in cui si è giunti ad un’assoluta normalizzazione di inquietanti e futuristici scenari mediatici. L’episodio speciale White Christmas, che attualmente conclude la serie, può essere considerato come lente di ingrandimento, al fine di condurre un’attenta analisi sull’effettivo ruolo ricoperto dai media all’interno di una realtà che non rappresenta più soltanto gli albori dell’estetica dell’estremo.

Continua a leggere

Violenza e media, sesta declinazione. “Kill the dead, fear the living” e il brutale normalizzato

di Pasquale Severino

rick-crowd_zps03dxht6n

“Noi non uccidiamo mai chi è vivo.” – Rick Grimes, 01×05

The Walking Dead e la normalizzazione della violenza, la sovraesposizione della brutalità, un articolo che sembra scriversi da solo visto il tema dello sceneggiato, il suo leitmotiv realizzativo; come può il palato spettatoriale non abituarsi al gore spudorato, adrenalinico che la serie di Darabont  ha standardizzato costringendo i suoi protagonisti a farsi strada con armi da taglio, fuoco e qualsivoglia corpo contundente nell’immanente fiumana di walkers per sei stagioni?

Continua a leggere

Violenza e media, quinta declinazione. Celluloide rosso sangue – L’estetizzazione e la normalizzazione dell’estremo nel cinema

di Angelo Talarico

Il cinema, così come gli altri media, si muove e agisce di pari passo con la società, sopperisce a delle richieste, gratifica i sensi, in poche parole mostra, offre delle storie che si evolvono con l’avanzare dei tempi, sia tecnicamente che esteticamente.

Continua a leggere

Violenza e media, quarta declinazione. L’estetizzazione della violenza nel cinema orientale e il caso Hero

di Muzhi Wu

Si è già discusso delle diverse modalità di rappresentazione della violenza sul grande schermo e il cinema orientale gioca un ruolo importante in questo panorama. Infatti, oltre alle classiche scene sanguinose e splatter, i film di genere wuxia (http://www.heroic-cinema.com/eric/xia.html)  offrono un’alternativa poetica di esprimere la violenza. Hero è un film diretto da Zhang Yimou, (https://www.youtube.com/watch?v=R2vwIz94oYY) ed è stato nominato all’Oscar come miglior film straniero.  Il film è ambientato nella Cina del III sec a.C., in un’epoca segnata da continue e feroci lotte fra sette stati che si contendono la supremazia. In questo contesto, un uomo per vendicarsi diventa un assassino e fa dell’uccisione del re di Qin la sua missione di vita.

Continua a leggere

Violenza e media, terza declinazione. Il cannibalismo del grande schermo all’epoca della videocrazia

di Francesca Mottola

Il cinema è costituito per sua natura dalla commistione di tre fondamentali azioni: osservare, narrare ed essere spettatore. L’intrecciarsi inestricabilmente di questi tre atti dà vita a un meccanismo apparentemente complesso, in realtà facilmente traducibile in un gioco di sguardi: lo sguardo è la condizione obbligata dello spettatore cinematografico, sottoposto ad un flusso di immagini che sono a loro volta frutto di un altro sguardo, quello del regista. Il voyeurismo è dunque un tema centrale nel cinema e costituisce il perno attorno al quale il mezzo stesso ruota. Nella vasta e ricca storia del cinema il voyeurismo risulta ricorrente, declinato nelle più diverse forme. In particolare risulta interessante e significativa la tendenza, presente in molto cinema contemporaneo, a renderlo sempre più radicale attraverso immagini forti, quasi respingenti per lo spettatore, e a una rappresentazione mediatica priva di filtri, che si spinge oggi più che mai oltre qualsiasi linea di confine etico o morale.

Continua a leggere