Media Mutations 8, a cognitive approach to tv series

Anche quest’anno, l’appuntamento con la conferenza internazionale Media Mutations, promossa da Università di Bologna e Society for Cognitive Studies of the Moving Image, offre l’opportunità a studiosi, ricercatori e appassionati di immergersi in due giornate piene di incontri all’insegna della ricerca. Ospite d’onore presso il Salone Marescotti di via Barberia 4, lo studio sull’approccio cognitivo applicato all’ambito della serialità televisiva.

Continua a leggere

Annunci

Media Mutations 6 – Pronti a due giorni di Serie TV?

MEDIA MUTATIONS 6 – Modes of Production and Narrative Forms in the Contemporary TV Series
A cura di Luca Barra, Leora Hadas, Veronica Innocenti e Paolo Noto

Da martedì 27 maggio alle ore 14.30 a mercoledì 28 maggio alle ore 19
Salone Marescotti – Via Barberia 4, Bologna
Ingresso Libero

SCARICA IL PROGRAMMA!

Pochi nutrono ancora dubbi sul fatto che le serie televisive, in particolare quelle statunitensi, rappresentino la forma di racconto per immagini più innovativa e coinvolgente degli ultimi anni. Molto resta da fare, però, per comprendere la loro natura di prodotti complessi realizzati da un sistema industriale in piena fase di riorganizzazione.
La sesta edizione di Media Mutations si concentrerà sulle serie TV e in particolare sulle relazioni tramodelli produttivi e forme del racconto, sulla struttura industriale che le produce e sull’articolazione in diverse tipologie di offerta, dalle televisioni free-to-air alle premium. Serie di grande popolarità come Lost, Mad Men o Game of Thrones, infatti, prendono forma in stretta connessione con le modalità produttive, le regolamentazioni istituzionali e le strategie di rete delle emittenti che le trasmettono, subendo ulteriori evoluzioni una volta immesse nello scenario mediale nel quale confluiscono.
Il convegno esplorerà il modo in cui questo panorama, definitosi a partire dagli anni Novanta, sta subendo nell’ultimo decennio dei cambiamenti significativi, ragionando su fattori di cambiamento come la concorrenza tra broadcasters, la digitalizzazione dei contenuti, la contrazione delle entrate dal mercato pubblicitario e dagli abbonamenti, l’ingresso di players inediti come gli operatori over-the-top, le forme di personalizzazione del consumo offerte agli utenti dai servizi legali e illegali di streaming e download.

Aspettando Media Mutations 6

ASPETTANDO MEDIA MUTATIONS
Cinque incontri sui rapporti tra politica, società e web
dal 13 FEBBRAIO al 10 APRILE

A cura di Claudio Bisoni e Veronica Innocenti

INGRESSO LIBERO

Negli ultimi anni il rapido sviluppo tecnologico ha mandato in crisi diversi ambiti della tradizione culturale che non hanno saputo cogliere le potenzialità di rinnovamento insito nelle nuove tecnologie. È stato così per l’industria discografica e rischia di diventare così anche per l’industria editoriale. Analoghi problemi si pongono in altri campi come quelli della proprietà intellettuale, della privacy, del marketing e in generale della promozione della cultura: come evolverà il mondo del libro a confronto con l’editoria digitale? Come si possono affrontare gli effetti collaterali della pirateria in un modo tecnologicamente consapevole e rispettoso degli interessi in campo? Come è possibile scrivere per il cinema e la televisione in modo collaborativo? L’opinione pubblica si trova a interrogarsi su questioni inedite. Partendo dalle domande appena poste, il ciclo di incontri vuole essere un’occasione per dibattere insieme sulle opportunità offerte dai nuovi media nell’ambito dell’industria culturale.

Per ogni incontro, sul palco saranno presenti uno o più ospiti, affiancati da studiosi o giornalisti e da un coordinatore che modererà una discussione pubblica su un libro o un tema relativo a un aspetto della realtà sociale legato ai media digitali. Sono previsti incontri sui seguenti argomenti: il futuro del libro e l’editoria digitale, la pirateria e la questione del copyright, il marketing non convenzionale, la ridefinizione della sfera pubblica e il tema dei “beni comuni”; la creatività e la scrittura partecipativa nell’epoca del web.

Online il calendario degli incontri.

James Van Der Beek: Dawson, meme, brand

di Paola Brembilla

Perché mostrare al mondo i vostri sentimenti con un’espressione facciale, quando c’è James Van Der Beek che lo può fare per voi? Sì, proprio lui, il protagonista di Dawson’s Creek, colui che ha donato nuove sfumature all’espressione Craft of Acting. Ma bando ai preamboli sarcastici, arriviamo al dunque: cosa ci facevano i Van Der Memes a un convegno sugli Ephemeral Media? Ci facevano che, proprio a partire da uno di questi Ephemeral Media, James Van Der Beek ha dato il via a un’ampia operazione di rebranding della propria immagine, costruendosi così una rinnovata popolarità. Continua a leggere

Media Mutations 5

Ephemeral Media: Time, Persistence and Transiece in Contemporary Screen Culture
Convegno internazionale di studi a cura di Paul Grainge, Roberta Pearson, Sara Pesce
dal 21 al 22 maggio 2013
Salone Marescotti, Via Barberia 4, Bologna

Al centro della quinta edizione del convegno internazionale di studi saranno gli ephemeral media: l’insieme di materiali “ancillari” che circondano i film e in generale i “testi primari” prodotti dalle istituzioni mediali (trailer, mashup, promo, podcast, bonus material, ecc.).

Si rende necessario analizzare i video promozionali associati a eventi o corporation, i materiali prodotti dalle comunità di fandom intorno a film, show televisivi, giochi, icone mediali. Fare i conti con tutti questi fenomeni significa misurarsi con il ruolo sempre più importante guadagnato dalle forme brevi nella cultura contemporanea e con i modi attraverso i quali piattaforme come youTube hanno reso disponibili, consultabili, e quindi più permanenti anche nel nostro presente, “oggetti paratestuali” del passato, aumentando la loro possibilità di ridistribuzione e rimediazione. Il convegno avrà dunque anche lo scopo di riflettere sul tipo di temporalità e sulle strategie di coinvolgimento che la sempre maggiore importanza delle forme brevi ha assunto nel nostro presente.

PDF PROGRAMMA
MediaMutation5

Citizen Journalism e Documentario 

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento con il ciclo di incontri La rete contesa.
Non mancate questo pomeriggio, martedì 16 aprile, ore 17 – Salone Marescotti:

CITIZEN JOURNALISM E DOCUMENTARIO
Incontro con Michele Mellara e Alessandro Rossi (Mammut Film), Angelo Agostini (IULM)

The brain/movie problem – Evento La Soffitta

Oggi pomeriggio, martedì 26/03, ore 17
Salone Marescotti, Dipartimento delle Arti, via Barberia 4, Bologna

The brain/movie problem: le neuroscienze cognitive e gli studi sul film.
Conferenza di Vittorio Gallese (Università di Parma) e Michele Guerra (Università di Parma)

Continua a leggere