Violent delights have violent ends; Westworld season finale

xp6fwt7

di Pasquale Severino

There’s a path for everyone. Your path leads you back to me

 È su di un dedalo di binari che si è svolta la prima stagione di Westworld, su un intricato circuito di rotaie e sentieri polverosi che visto dall’alto è un iride, o the Maze, il labirinto, il cui centro abbiamo erroneamente cercato agli antipodi dello spazio quando sito fra gli eoni del tempo, agli albori della coscienza, dell’identità, nel conflitto di una mente dicotomica, fra le ceneri di un cuore riarso che risorge nero come la pece, infine alle origini di un sogno condiviso, quello di dar vita alle proprie storie, ai propri ricordi, ad un mondo sinteticamente vivido e ai suoi inconsueti abitanti.

Continua a leggere

Annunci

Arrowverse: una mappatura dell’universo televisivo DC

dcudi Pier Francesco Cantelli

In principio c’era Arrow, una serie tv nata dopo la conclusione di SmallvilleArrow si ispirava molto alla serie che lo aveva preceduto ma, mentre Smallville raccontava la crescita di Clark Kent fino a diventare Superman,  Arrow si prefiggeva di narrare la nascita del supereroe Freccia Verde.

Continua a leggere

The Young Pope, l’oscuro Papa di Sorrentino

typ1_zpsgy8ipbk1

di Simone Labricciosa

Accolto da un enorme successo di pubblico (pur con un fisiologico calo di ascolti, tuttavia ormai stabili, negli ultimi episodi), “il papa giovane” di Sorrentino è diventato immediatamente il prodotto di punta di Sky Italia, scavalcando Gomorra e candidandosi a diventare la serie televisiva italiana più vista anche all’estero. Che cos’è The Young Pope e come si pone nel contesto autoriale e produttivo che l’ha partorita? Continua a leggere

The Exorcist e la saturazione dell’immaginario

the20exorcist2_zpsl4jhp8oi

di Marco Catenacci

Pensare oggi di confrontarsi con un immaginario così ampiamente sfruttato come quello delle possessioni demoniache è unimpresa sicuramente ardua. Di preti esorcisti, riti urlati a squarciagola, demoni e bambini posseduti che parlano lingue morte con voce cupa e inquietante, è satura la storia del cinema, tanto che il rischio di inoltrarsi in un territorio in cui è già stato detto (reso visibile) tutto o quasi, è altissimo. E soprattutto, è un rischio di cui bisogna tenere assolutamente conto: esiste, è lì davanti agli occhi di tutti, e se si vuole ancora far leva su un certo tipo di immaginario, non può più essere ignorato.    Continua a leggere

“I will try to fix you”: MacGyver e l’arte di improvvisarsi reboot

macgyver1_zps19gv6hn8

Di Pasquale Severino

Il proliferare delle opere derivate nel panorama cinetelevisivo in cui siamo immersi: più che un’assodata tendenza, più che un fenomeno passeggero, un must tutt’altro che in calo, un arto robotico della remix culture ormai in grado di migliorarsi autonomamente e affinare i propri meccanismi.

Continua a leggere

Gomorra – La serie: la seconda stagione si tinge di rosa

di Valeria De Bacco

La prima stagione di Gomorra – La serie ha visto la fine della reggenza del clan Savastano e l’insorgere di un nuovo sistema democratico guidato dalla leadership di uno dei personaggi più influenti di tutto l’ambiente, ma, soprattutto, ha pianto la morte di Donna Imma, eroina indiscussa delle ultime puntate, donna di grande talento e caparbietà. Per una regina caduta, tante sono le ancelle pronte a prenderne il posto. Questa seconda stagione si tinge di rosa e mostra chi porta davvero i pantaloni in casa Scampia.

Continua a leggere

Orange Is the new Black: how can we get back to reality?

di Valeria De Bacco

Giugno non è solo il mese dei primi bagni, della rincorsa alla tintarella per non mostrare in spiaggia quanto lungo sia stato anche quest’anno l’inverno e dell’anguria fresca di frigo, mangiata con gli amici e magari un po’ di vodka. Giugno è anche il mese che tutti gli appassionati di Orange Is the New Black, per gli amici OITNB, stavano aspettando. Tra otto giorni esatti, sarà infatti possibile scoprire le nuove avventure che la prigione ha riservato a Piper e alle sue compagne di detenzione. Almeno per quanto visto fino ad oggi, è proprio il caso di dire che a Litchfield non è mai detta l’ultima parola.

Continua a leggere