DISTOPIA: MONDI INQUIETANTI DALLA CARTA ALLA PELLICOLA

di Azzurra Pignotti

La distopia in letteratura nasce come concetto strettamente legato alla rivoluzione industriale e all’idea di mondo standardizzato che viene portato all’eccesso. Se il primo romanzo iscrivibile nel genere, Le monde tel qu’il sera del francese Èmile Souvestre, esce nel 1845, è però il Novecento che vede l’affermarsi e il consolidarsi dei romanzi a sfondo distopico. Alla disumanizzazione creata dal continuo espandersi delle macchine nella vita dell’uomo, si aggiungono temi come la politica totalitaria e la fantascienza. Continua a leggere

Annunci

Il cinema distopico: introduzione

di Francesco Bellitti

Il cinema e la letteratura hanno da sempre un rapporto privilegiato: sin dalla nascita del primo, la loro relazione intermediale è stata tra le più trattate e studiate.

Continua a leggere