Arrival; un babelico affresco dell’atto semiotico

dpmwgnf

di Pasquale Severino

Sarebbe poco onesto far strame di un film come Arrival , esattamente quanto lo sarebbe urlare al capolavoro; rimarrebbe tuttavia una miopia analitica non sottolineare l’efficacia con cui l’ultima fatica dell’istrionico Denis Villeneuve (Sicario, Prisoners) riesce a tratteggiare il cruciale tentativo di costruire un atto di comunicazione intraspecie, la disperata necessità di uscire da quello che per de Saussure è il linguaggio privato, dipanando pazientemente il bandolo del significante, per arrivare al significato. Continua a leggere

Nocturnal Animals, viaggio in fondo al baratro dell’atto creativo

2tuqwwn

di Pasquale Severino

Uno scrittore, dissoltosi fra le pagine del suo romanzo di debutto, vi  travasa frustrazione, patimento puro, quel dolore lancinante che è ingrediente primario dell’opera d’arte nella filosofia di Winckelmann. Dedica lo scritto alla sua ex moglie, inviandoglielo in anteprima, ma fra carta e inchiostro una reazione alchemica più temibile e ancestrale si annida, il libro diviene ordigno pronto a detonare nelle giuste mani, un uscio affacciato sulla notte fonda, sulla tenebra dell’animo, sui suoi inquieti abitanti.  Continua a leggere