Bowie, Mc Curry, Bansky e tanto altro: le mostre da non perdere per l’estate 2016

di Valeria De Bacco

Se non riuscite a rinunciare all’arte neanche in vacanza, ecco alcune proposte interessanti per le prossime settimane. Da nord a sud, dalla fotografia alla pittura, passando per la street art, vi proponiamo una breve rassegna dei principali appuntamenti con l’arte previsti in giro per l’Italia da qui alla fine dell’estate.

AFGRL-10001

A Torino, nella suggestiva cornice delle scuderie juvarriane della Reggia di Venaria, è visitabile fino al 25 settembre una mostra dedicata al grande fotografo americano Steve McCurry (qui la recensione della mostra inaugurata a Forlì https://fuoricorsoblog.wordpress.com/2015/10/15/steve-mccurry-ovvero-il-fotografo-dellanima/). Con ben duecentocinquanta opere, si tratta dell’esposizione più completa finora realizzata su questo artista nel nostro paese, con scatti realizzati in India, Afghanistan, sud-est asiatico, Sudamerica ed Europa. Naturalmente, non manca il celeberrimo ritratto della ragazzina afghana Sharbat Gula, che valse a McCurry la prestigiosa copertina dell’edizione di giugno 1985 di National Geographic, passando immediatamente alla storia come un importante simbolo di lotta contro tutte le guerre.

Sempre in tema di fotografia, coloro i quali avessero in programma di fare un salto a Venezia, avranno la possibilità di visitare una mostra sul fotografo tedesco Helmut Newton. L’esposizione, che viene ospitata presso la Casa dei Tre Oci, raccoglie duecento immagini provenienti dai primi tre libri pubblicati dall’artista sul finire degli anni Settanta: White Women, Sleepless Nights e Big Nudes. A Napoli, invece, il Madre ospita fino al ventiquattro ottobre una collezione di oltre cento opere del maestro di fotografia Mimmo Jodice, ripercorrendo le fasi salienti della carriera dell’artista, dalle sperimentazioni degli anni sessanta ai più recenti lavori del 2015.

jodice_zpsjq7zo9dr

Spostandoci in ambito musicale, approda in questi giorni a Bologna l’attesissima mostra David Bowie is, dedicata al grande artista recentemente scomparso. L’esposizione, che conta circa trecento oggetti selezionati dall’archivio personale del musicista, sarà visitabile al MAMbo di Bologna (unica tappa italiana), fino al tredici novembre prossimo. Visto l’enorme successo riscosso nelle precedenti tappe (Londra, Chicago, San Paolo, Toronto, Parigi, Berlino, Melbourne e Groningen), David Bowie is si preannuncia certamente come uno degli appuntamenti più interessanti nel panorama culturale nazionale del momento.

david20bowie_zpsy2lg0uwt

Ha, invece, recentemente lasciato Bologna per Milano, la mostra su Mauritius Cornelius Escher, che si terrà a Palazzo Reale fino al ventidue gennaio. Nell’esposizione, il percorso di sviluppo creativo dell’eclettico artista olandese viene ripercorso nella sua totalità, con particolare attenzione ai temi della tassellatura e degli oggetti impossibili, che lo hanno messo in relazione con il Futurismo e il Surrealismo.

la20vie20-20chagall_zps2vsfvfw8

Naturalmente, il paese di Giotto e Raffello non poteva farsi mancare alcune proposte in tema di arte pittorica. Per fare qualche esempio, si può citare, innanzitutto, la mostra su Marc Chagall, Marc Chagall la vie, che si terrà in Valle d’Aosta, con ben duecentosessantacinque opere esposte presso il Forte di Bard. La mostra, che si protrarrà fino al tredici novembre prossimo, ha il merito di esporre per la prima volta nel nostro paese il celebre capolavoro dell’artista bielorusso, La vie; non meno interessante si preannuncia la mostra su Joan Mirò, La forza della materia, prevista al MUDEC di Milano fino all’undici settembre. Per realizzarla sono state riunite numerose opere provenienti dalla collezione della famiglia dell’artista e dalla Fondazione Joan Mirò di Barcellona. Più a sud, merita senz’altro una segnalazione la mostra Tormenti e incanti, dedicata ad Antonio Ligabue, che si terrà fino al trentuno agosto al Palazzo Reale di Palermo.

Infine, anche la street art quest’anno avrà la sua parte. A Roma, infatti, è visitabile – fino al quattro settembre a palazzo Cipolla – una retrospettiva dedicata all’inafferrabile, ma sempre più apprezzato, artista di strada inglese Bansky. La mostra, intitolata War, Capitalism & Liberty si propone di trattare le tematiche più pregnanti della produzione artistica del celebre writer (per l’appunto guerra, capitalismo e libertà) attraverso l’esposizione di centocinquanta opere – dipinti originali, sculture, stampe in edizione limitata e altre creazioni artistiche – provenienti da collezioni private di tutto il mondo.

bansky_zpsznvoi4fh

Insomma, è ufficiale: per chi ne avesse voglia, questa estate, in valigia, oltre alla crema abbronzante e agli occhiali da sole, sono d’obbligo anche scarpe comode e un buon manuale d’arte.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...