La scienza dei film

di Daniele Marazzani

Gli effetti speciali hanno una grande importanza nel panorama audiovisivo e la resa è aumentata negli ultimi anni grazie a pionieri della computer grafica e dell’ingegneria. Il mondo digitale è in forte espansione e tutto ciò è in grado di colpire lo spettatore immergendolo in un’ambientazione magica.

Anni fa venivano realizzati a mano attraverso trucchi prostetici, meccanici e spesso con l’ausilio di miniature. Ora, grazie ai “maghi” della computer grafica non serve più costruire il filmabile. L’innovazione è, quasi, riuscita a sradicare la figura stessa dell’attore che attraverso la motion capture fornisce movenze a esseri totalmente ricreati in digitale e forse, con l’avanzare del tempo, il ruolo non esisterà più.

La serie documentaristica Science of the Movies ha come obbiettivo quello di portare gli spettatori nel cuore delle tecniche e delle tecnologie che stanno alla base degli effetti speciali del mondo audiovisivo.

La serie ha debuttato nel 2010 sull’emittente Discovery Channel della piattaforma Sky Italia. Le puntate hanno una durata di 60 minuti, sono monotematiche e analizzano il mondo degli effetti speciali in modo divertente e istruttivo. Il conduttore della serie documentaristica è Nar Williams, giovane cinefilo scrittore/regista e conduttore di programmi seriali di Discovery.

Il serial studia la scienza che sta dietro a “ciò che è umanamente impossibile ”. Le puntate vengono narrate in modo ironico e divertente e si focalizzano su pellicole e serie televisive adorate per lo più dai nerd. Non solo, Science of the Movies presenta le tecniche più grandi e rivoluzionarie del mondo degli effetti speciali. I punti di vista sono particolari e, con umorismo, gli episodi trattano in modo chiaro e comprensibile il modus operandi dietro le produzioni hollywoodiane.

Nar Williams, ogni puntata, incontra personaggi illustri e, insieme ad artisti visionari, presenta la creazione di scene che “lasciano a bocca aperta”: si va dal motion control al 3D passando per la IL&M al formato IMAX. Sovente, il conduttore si espone in prima linea testando bizzarrie da nerd e, sfruttando i macchinari d’avanguardia, ricrea scene cult. Inoltre, al suo interno presenta una rubrica imperdibile per tutti i filmaker in erba: come realizzare i trucchi con meno di 100 dollari.

La serie propone inediti spezzoni che celebrano la magia del mondo cinematografico e, grazie alla disponibilità degli artisti ideatori degli effetti, il presentatore da vita a una serie imperdibile per tutti gli amanti del cinema. Gli effetti speciali, con l’era digitale, hanno permesso a registi visionari di creare mondi e personaggi in modo più semplice e con maggiore impatto visivo. Il digitale espande l’immaginario degli artisti e non li relega solamente al reale, al filmabile e al costruibile. Ora è possibile sradicare la natura. Science of the movies è dedicata a questo: alla scoperta di menti innovative che hanno reso possibile l’impossibile.

Science of the movies porta lo spettatore nei santuari degli effetti speciali, mostra la scienza dietro le pellicole e racconta con umorismo e arguzia le possibilità illimitate degli effetti speciali, da sempre forme d’arte in grado di accendere la fantasia di ogni sognatore.

Annunci

One thought on “La scienza dei film

  1. Pingback: Non solo Hollywood – Sudamerica: una nuova realtà cinematografica | Fuori Corso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...