James Van Der Beek: Dawson, meme, brand

di Paola Brembilla

Perché mostrare al mondo i vostri sentimenti con un’espressione facciale, quando c’è James Van Der Beek che lo può fare per voi? Sì, proprio lui, il protagonista di Dawson’s Creek, colui che ha donato nuove sfumature all’espressione Craft of Acting. Ma bando ai preamboli sarcastici, arriviamo al dunque: cosa ci facevano i Van Der Memes a un convegno sugli Ephemeral Media? Ci facevano che, proprio a partire da uno di questi Ephemeral Media, James Van Der Beek ha dato il via a un’ampia operazione di rebranding della propria immagine, costruendosi così una rinnovata popolarità.

Tutto ha inizio con il Crying Dawson, una GIF animata che circola online dal 2007/2008 circa. La GIF riporta una clip  dall’episodio 3×23 di Dawson’s Creek, trasmesso per la prima volta nel 2000: si tratta di un impietoso primo piano su Dawson che piange dopo essere stato mollato (giustamente) da Joey per il ben più notevole Pacey. In breve, la GIF diventa un meme: una reaction face che può essere usata a mo’ di emoticon. Si notino simpatici esempi qui e qui, oltre allo spassoso spin-off 1990s problems.

Facciamo un salto nel 2010: James Van Der Beek, che non si lascia sfuggire niente, nota che la propria immagine sta circolando più del solito e non certo grazie alla sua carriera da attore. Forte della collaborazione con il sito Funny or Die, che raccoglie sketch comici di TV/cine-star e webstar, Van Der Beek apre jamesvandermemes.com, per raccogliere una serie di reaction faces create appositamente per l’iniziativa. Alle nuove GIF si aggiungono clip parodiche e auto dengratorie, come la fake commercial dei DILF Khakis.

Altro salto temporale, questa volta siamo nel 2012: su ABC debutta la serie Don’t Trust the B— in Apartment 23. Uno dei protagonisti dello show è proprio James Van Der Beek nel ruolo di James Van Der Beek che cerca di riguadagnarsi una certa popolarità – ovviamente con risultati che dire esilaranti sarebbe un eufemismo. Fun Fact: in lizza per il ruolo c’era anche Lance Bass, ex cantante degli N’ Sync. Ma come dichiara il buon James: “The people who created Apartment 23 saw the Funny Or Die videos and said, ‘This is perfect; we want him on the show doing this kind of comedy’ […] Now they’re creating this whole character that has my basic résumé on it but the rest is completely made up”. Un bel ringraziamento a Funny or Die e al fenomeno dei meme, dunque, da cui vengono anche ripresi e rielaborati alcuni sketch come i già citati DILF Kakhis che diventano Beek Jeans.

Qual è la morale della favola? La morale è che questo è uno dei rari casi in cui un fenomeno che nasce interamente come user-generated, viene poi “istituzionalizzato” dall’industria, che ci fa leva per un’operazione di branding. La diffusione virale del Crying Dawson, in tutte le sue varie forme, ha diversi effetti sui prodotti audiovisivi coinvolti: innanzitutto estende la durata del testo originale, Dawson’s Creek, e con esso riporta in primo piano James Van Der Beek. Il nuovo grado di stardom raggiunto dall’attore viene quindi capitalizzato da ABC con una serie che gioca proprio su questa immagine parodica della star e sui costanti riferimenti alla serie per teen-ager. Dal canto suo, il meme inzia quindi a vivere due vite: da una parte l’integrazione ufficiale nel “Van Der Brand”. Dall’altra, la sua circolazione virale nelle mani degli utenti, un’attività che ora sembra anche più in fermento di prima. In fondo, come dice il buon James, si è solo trattato di capire cosa volesse il mercato: “More intensive close-ups on [his] face”.

Dello stesso autore:
Real Time nel terzo polo: vince la serialità

Annunci

One thought on “James Van Der Beek: Dawson, meme, brand

  1. Pingback: Online TV (USA Edition): si procede per tentativi | Fuori Corso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...