Quando la politica si dà all’ippica: il caso di Notapolitica

di Mario Palomba

Intervistando Emanuela Zaccone e Max Spaziani, mi era stato fatto capire che le elezioni del 24 e 25 febbraio sarebbero state le più tecnologiche di sempre. Ma non avevo realmente compreso la portata della situazione: non è soltanto una questione di come e dove prendere i voti, ma soprattutto di come le informazioni possano viaggiare attraverso i nuovi media, aggirando anche vere e proprie leggi, come quella che vieta agli istituti di ricerca statistica di rendere pubblici i sondaggi elettorali mentre sono in corso le votazioni, per evitare di condizionare l’elettorato.

Sui social network le notizie politiche si sono rincorse durante le elezioni come in un passaparola: un po’ con umiltà – e forse scaramanzia – e un po’ come lo spaccone che deve raccontare agli amici la battuta di caccia appena compiuta e la sua gigantesca preda – ovviamente sempre più grande col passare del tempo – mentre in ogni forum appariva, immancabile, il sondaggione: chi voterete a queste elezioni?

In questi casi, tuttavia, si trattava esclusivamente di pareri personali, sondaggi e voci “fatte in casa” che non avevano alcuna pretesa di essere affidabili per rappresentare il risultato definitivo delle elezioni. D’altro canto, a cercare bene, si poteva trovare anche qualche sito che, a dispetto delle leggi vigenti, svolgeva mansioni di “contrabbando” di sondaggi.

Contrabbandieri di sondaggi in azione

All’apertura delle urne, ad esempio, sul sito Notapolitica, si è smesso di parlare di partiti e di lotte all’ultimo voto, lasciando spazio ad una curiosa cronaca di corse clandestine di cavalli. La redazione del sito, infatti, ha seguito con molta attenzione alcuni “ippodromi” clandestini dando particolare rilievo a quello “de l’Oreal”, con le due corse “Senat” e “Chambre”, ed al “Grand Prix du Pirellon”, corsa ritenuta determinate per decretare il vincitore della “Senat”. Le scuderie principali erano quattro: Maison Liberté, Bien Comun, Ipson de la Boccon e la debuttante Igor Brick; scopo della corsa, oltre che vincere, aggiudicarsi il maggior numero di sacchi di biada.

Ammetto che le corse erano molto avvincenti, ma non ci è voluto molto per svelare l’inganno. Sarà stato il nome del fantino della Bien Comun (Pier le Smacchiateur) oppure l’insolita classifica che metteva ai primi posti i cavalli che impiegavano più secondi a concludere la corsa, fatto sta che il sito, a dispetto delle leggi vigenti, divulgava allusivamente i risultati dei sondaggi politici. L’ingegnosità e l’ironia dell’iniziativa hanno rappresentato un’ulteriore prova di come le nuove tecnologie pongano in essere problematiche riguardanti la quasi impossibilità di arginare la forza dirompente delle notizie veicolate tramite la rete, e sottolineando, quindi, la grossa difficoltà degli organi istituzionali e del mondo politico, di stare al passo della rapidissima evoluzione dei mezzi di comunicazione.

Elettori sviati dai sondaggi

Questo ovviamente può diventare un problema in caso di notizie sensibili, come appunto i risultati dei sondaggi elettorali che, effettivamente, potevano condizionare qualche elettore. Persino la Chiesa, scossa dalla decisione di Papa Benedetto XVI di abdicare, si è ritrovata ad accusare i media di condizionare il conclave, previsto per marzo, commentando la decisione del Papa di riassegnare alcuni posti di prestigio all’interno del Vaticano.

Viene quindi da chiederci quanto l’influenza dei nuovi media possa condizionare effettivamente le persone e quali sono i mezzi – se ce ne sono – per arginare questo fiume di informazioni e opinioni che sembrano non risparmiare niente e nessuno. Per quanto mi riguarda, attendo trepidante il Grand Prix du Conclav che si correrà all’ippodromo di Tor di Vaticàn.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...